I fuochi fatui

Danzerai nel buio

fino a turbarmi il sonno,

Sogno, fiammella fatua.

Al tuo azzurro le labbra

bruciano rosse d’autunno

come bacche di Strega

e la Sibilla sparge invano

le foglie del destino. Mute.

Mutato è il corso del vento,

immutati gli amanti di pietra

e noi… Sceglieremo la Vita?

FB_IMG_1511072889754

Photo: Dasha Pears

Annunci

Due bari

Quella tenda rossa alla finestra

aspettava il vento caldo della sera

quando le mani – le nostre mani

giocavano a dadi.

Baravamo

senza saper barare

con gli occhi brucianti da animali

finché il Tempo vinceva lento,

dai denti aguzzi limava il ferro.

E così alle pareti la partita

si fece fiamma:

il caso bruciava il destino

come fosse paglia.

Jake Baddeley

Photo: Jake Baddeley

Di fiori e di ambra

Nacque dal Baltico

in un mondo che non è più

questa scheggia d’ambra dorata

che muta agli occhi, rivela al cuore

la fragilità di un fiore prigioniero

senza difesa, i petali tesi

al Tempo.

Ne farò un amuleto,

prezioso di venature sottili, che leghi

la mia vita alla Vita

il visibile all’Invisibile

nello sbocciare delle stagioni rubate

al Vento.

IMG_20171112_170904

Photo: Artur Michalski, cercatore d’ambra.

Il pozzo dei desideri

L’oro di monete scagliate

nel fondo di un pozzo

luccica il nome di lui

tra ombre lunari

d’acqua e desiderio.

In attesa.

Rivolto al Cielo, il volto canta di lei

un canto d’avorio e d’ebano

e si sveste dal pizzo la pelle

tremante di baci e neve

tra le luci dell’alba.

bb2a218834210939a61c5a298bf398e1

Dipinto: Vittorio Zecchin

Circus

Saltavano nel fuoco gli acrobati

costruttori di galassie di desideri

tesi nel buio senza ali

al di là di ogni trapezio

tra il bramito del pubblico e degli orsi

feroci.

Nascosta sotto il cilindro

solo una ragazza piangeva a pezzi:

il fazzoletto rosso stretto tra i denti,

il volto pallido di colomba

in gabbia.

the_circus

Dipinto: Georges Seurat, Il circo (1891)